Home Musica Lo stop di Justin Bieber che cancella tutti i concerti

Lo stop di Justin Bieber che cancella tutti i concerti

Justin Bieber ha deciso di annullare i concerti in America e in Asia per "circostanze impreviste". Lo stop arriva dopo il divieto della Cina all'esibizione

756
CONDIVIDI
justin bieber

Stop al tour mondiale “Purpose” per Justin Bieber. Il cantante ha annullato le ultime 14 date nel nord America e in Asia, fino al 10 ottobre, stando a quanto riportato dal suo portavoce, a causa di “circostanze impreviste”. Nel comunicato diffuso lunedì su Facebook non vengono forniti però altri dettagli utili a capire quali siano le reali ragioni della cancellazione e viene garantito il rimborso di tutti i biglietti già acquistati.

“Justin Bieber ama i suoi fan e odia contrariarli, ma dopo un’attenta considerazione ha deciso che non si esibirà nelle prossime date…”

Così recita la nota. Cancellati, oltre a quelli in Texas, Colorado e California, i concerti di Hong Kong, Giappone e Filippine. Bieber ha cominciato il tour nel marzo del 2016 e fino ad oggi ha presenziato a ben 150 concerti in sei continenti.

“Justin ringrazia tutti per l’incredibile esperienza vissuta negli ultimi 18 mesi…”, continua il comunicato.

La cancellazione del tour arriva a pochi giorni dal divieto cinese ad esibirsi a Pechino, dove è stato dichiarato “non benvenuto per cattivo comportamento”: il 23enne cantante canadese vincitore del Grammy, sarebbe troppo sopra le righe.

justin bieber facebook
Il post di Facebook in cui vengono annullate le date dei concerti di Justin Bieber

Dopo i Placebo, cacciati a vita dalla Cina per un post sul Dalai Lama, anche Justin Bieber aveva subito lo stop per a esibirsi nel Paese.

Pechino non ospiterà infatti la tappa del tour mondiale per il cattivo comportamento tenuto in passato dall’artista, malgrado la popstar sia molto amata dal pubblico.

La decisione è stata presa nell’interesse degli standard imposti, dell’ordine e della necessità di fare pulizia sulle esibizioni artistiche.

Lo stile di vita di Bieber e le sue “parole e azioni” durante l’ultima performance hanno generato “pubblica insoddisfazione” ha spiegato l’ufficio municipale della cultura di Pechino.

L’ultima visita di Bieber risale al 2013, quando rimase a petto nudo sul palco, si fece portare a spalle da un bodyguard sulla muraglia cinese e girò per la città in segway senza maglietta.

Nell’ottica di “purificare” il contesto della performance artistiche “non è stato ritenuto appropriato portare artisti con un cattivo comportamento” ha precisato l’ufficio sul suo sito web, in risposta alle domande dei fan sul motivo per cui non gli fosse permesso di fare tappa nel Paese.

“Speriamo che Justin Bieber continuerà a migliorare il suo comportamento come parte della sua crescita e diventi un artista amato dal suo pubblico”

Ha concluso l’istituzione cittadina.

Commenti Facebook