Home Musica Quello che ci lascia Elisabetta Imelio

Quello che ci lascia Elisabetta Imelio

La cantante dei Sick Tamburo e bassista dei Prozac+ ha "scaricato" tutta la sua foga e intensità nel duo con l'amico Gian Maria Accusani

507
CONDIVIDI

Il basso di Elisabetta Imelio nel pezzo La mia mano sola dei Sick Tamburo si sente forte e deciso. Nel giorno della sua morte, il pezzo che viene in mente è questo. Un pezzo dei Sick Tamburo dove la voce di Elisabetta Imelio non c’è ma c’è il suo basso che suona, forte e deciso, sotto la voce di Gian Maria Accusani, mentre nel video scorrono i disegni di Davide Toffolo dei Tre allegri ragazzi morti e di quella Tempesta che i Sick Tamburo produce.

Elisabetta Imelio non è più. Il tumore con il quale lottava dal 2015 ha vinto. Ha vinto nonostante la battaglia condotta dalla bassista fosse stata davvero coraggiosa. Elisabetta Imelio dei Sick Tamburo e dei Prozac+ prima. È forse il duo con l’amico Gian Maria a caratterizzare la sua carriera piuttosto che i successi della band formata insieme a lui e a Eva Poles che raggiunge il successo con Acida che li porta ad essere conosciuti da tutto il panorama artistico italiano uscendo dalla nicchia post punk italiana di fine anni Novanta dove si erano collocati partendo da Pordenone.

Sono i Sick Tamburo più dei Prozac+ a rappresentare la Imeo perché, nati nel 2007, hanno un suono molto hardcore e dei testi che sguazzano nella vita reale più dura. Quella fatta, anche, di dipendenze e rapporti umani malati. Sono i primi Prozac+ più dei Prozac+ originali. La band inizia a suonare con Elisabetta Imeo e Gian Maria Accusani coperti in viso da maschere bianche ma, il loro suono, li fa presto riconoscere e decidono, allora, di sostituire la maschera con un passamontagna che caratterizzerà tutte le loro esibizioni dal vivo.

Elisabetta Imelio Sick Tamburo
Elisabetta Imelio e Gian Maria Accusani

Nel 2015 arriva il tumore. La vita di Elisabetta cambia. Inizia la chemioterapia che verrà portata in musica con il brano La fine della chemio, scritta da Accusani, che piace subito alla co fondatrice dei Sick. La canzone è l’occasione per raccontare a Vanity Fair la sua battaglia e, soprattutto, per creare un evento che possa attivare una raccolta fondi contro il cancro. La storia ci dice che nel 2018, la versione del brano viene cantata dai Sick Tamburo insieme a Tre allegri ragazzi morti, Jovanotti, Manuel Agnelli, Samuel, Elisa, Meg, Lo Stato sociale, Pierpaolo Capovilla e i Prozac+. Già i Prozac+. La reunion con Eva Poles (che sui social ricorda l’amica con un brano di Jeff Buckley), per festeggiare i venti anni di “Acida” e la data conclusiva del Miami 2018 con un abbraccio fra i tre.

Nell’estate 2019 i Sick Tamburo vanno in tour. Elisabetta non riesce a sostenere tutte le date ma nei concerti Gian Maria spiega a tutti che la cantante/bassista è a casa a prendersi cura di suo figlio, nato dall’unione con il compagno Francesco Isidoro. Ma negli occhi del chitarrista friulano si vede la preoccupazione per l’amica. Un’amica che ha salutato tutti a solo 44 anni. Purtroppo. Ma che ci lascia la sua musica e la sua grande forza.

Commenti Facebook
CONDIVIDI
Giornalista e autore. Negli anni ho bazzicato diverse redazioni di quotidiani locali con mansioni da redattore e da caposervizio. Ho collaborato con qualche testata nazionale e ho mille storie chiuse nel cassetto e nella testa