Home Teatro Le Lucciole di Aiello tornano a illuminare il teatro

Le Lucciole di Aiello tornano a illuminare il teatro

114
CONDIVIDI
lucciole francesco aiello

Prosegue il ritorno del teatro dopo il Coronavirus a Rende con la nuova opera firmata da Francesco Aiello.

La rassegna teatrale iniziata il 26 giugno, organizzata in collaborazione con Palacultura Lab e Creativa, prosegue venerdì 3 luglio alle 21 con il debutto di “Lucciole. D’insetti, punk e Calabria paranoica”.

Lo spettacolo è scritto e diretto da Francesco Aiello (che abbiamo apprezzato già altrove), e interpretato da Maria Canino, Salvo Caira, Alessandra Curia, Cesare Vitaliano e Giovan Battista Picerno.

Le lucciole di Francesco Aiello

Un collettivo di punk della provincia calabrese decide di occupare uno stabile, per impedire al sindaco del piccolo centro in cui abitano di costruire un parcheggio e sterminare, così, le lucciole che abitano quel pezzo di terra.

Quando dall’amministrazione comunale decidono di forzare la mano e di isolare i ragazzi togliendo loro la luce elettrica, le cose diventeranno molto più complicate da gestire.

Per questo, il gruppo si troverà costretto a chiedere il sostegno di qualcuno dall’esterno: un uomo vicino al “partito” sarà il loro gancio con l’amministrazione.

Tensioni interne e pressioni esterne, aspirazioni personali e tentativi di creare nuovi modelli di famiglia, il disagio di vivere la provincia da diversi: tutto questo metterà a dura prova la tenuta del collettivo e la riuscita del loro progetto politico.

Come ci prenota

Le scenografie dello spettacolo che ha la regia di Francesco Aiello sono di Francesco Coscarella e Jacopo Andrea Caruso, quest’ultimo anche responsabile tecnico. Foto e video sono di Caterina Cozza, assistente di palcoscenico è Yoneredi Bejerano Jane mentre la direzione di produzione è a cura di Lindo Nudo.

Per garantire il rispetto delle norme di prevenzione e contenimento del coronavirus è necessario prenotare il proprio posto per “Lucciole” al 392 394 6821.

Proprio per colpa del Coronavirus lo spettacolo ha dovuto slittare il debutto di marzo.

Rossosimona torna alla vita

«Se dovessi descrivere l’emozione che sto provando in questo momento, direi che sono felice. Rivedere il palcoscenico illuminato nel buio della sala, ritrovare il pubblico, sentirne le risate, mi fa pensare che dopo tanta sofferenza e incertezza si comincia a vedere un po’ di luce».

A così Lindo Nudo, direttore artistico di Teatro Rossosimona, nel salutare e ringraziare quanti erano presenti venerdì scorso al Palacultura di Rende per la messa in scena dello spettacolo “Doppia Coppia”, il primo dopo il blocco totale delle attività dovute all’emergenza pandemia.

 

Commenti Facebook