Home Piccolo Schermo La comunità arcobaleno vista in Non solo un volto

La comunità arcobaleno vista in Non solo un volto

499
CONDIVIDI
non solo un volto - piccolo schermo - colpoditosse.com

Il 10 luglio 2020 verrà pubblicato online un video reportage intitolato “Non solo Un volto”.

Il video è incentrato su cinque storie della comunità Lgbtq+ cosentina attraverso interviste che raccontano le vite di sette individui.

Il tutto è parallelamente accompagnato da riprese visual dei protagonisti all’interno del contesto cittadino.

Progetto fatto in Calabria

Le riprese si sono svolte nel centro storico di Cosenza presso Palazzo Spadafora a Cosenza, su concessione dell’assessore Alessandra De Rose, e nei luoghi della città più significativi per i protagonisti stessi: Piazza Amendola, Casa Delle Culture – Sede dell’Arci Gay di Cosenza, Villa Vecchia, La Massa e via Arabia.

Obiettivo e protagonisti di Non solo un volto

L’obiettivo del reportage è quello di sensibilizzare la comunità cittadina mettendo in luce queste storie che rappresentano uno spezzato parziale della vasta gamma di identità che caratterizzano l’altrettanta vasta comunità Lgbtq+.

Chi c’è dientro Non solo un volto

Protagonisti di Non solo un volto sono Lavinia Durantini (presidentessa di Arcigay Cosenza), Federico Cerminara (co-fondatore di Arcigay Calabria), Raffaella Bartolomeo ed Eugenia Marasà (mamme di una famiglia arcobaleno), Francesco Paese (personalità queer) e Davide Covello e Luigi Sprovieri (coppia).

Il team del progetto è composto da Mario Gallo (ideatore, executive producer e co-autore), Fabio Abate (director), Alessandra Pulzella (autrice), Carla Monteforte (autrice), Gianluca Gattabria (camera), Francesco Cristiano (camera), Serena Martina (camera), Cecilia Vaccari (fotografia), Marta Bernardo (social media assistant) mentre partner è Rlb Radioattiva.

Commenti Facebook